top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreevolvolibri

RITRATTI DI FAMIGLIA il bookcoaching: UVASPINA di Monica Acito edito Bompiani


Eccoci giunti al secondo incontro di bookcoaching RITRATTI DI FAMIGLIA col romanzo UVASPINA di Monica Acito che si terrà mercoledì 11 ottobre ore 20,30 via zoom. SEI ROMANZI, SEI STORIE: un mercoledì al mese! On line via zoom dalle 20,30 alle 22,30! Ora ve lo posso dire, ecco il romanzo letto nel mese di marzo, da cui sono partite tutte le mie scelte per la creazione di queste serate di book, è stata una lettura profonda, viscerale, poetica che mi ha nuovamente spinta sull'esplorazione dei legami di famiglia.


Ricordo ancora quando nei primi giorni di gennaio uscì un articolo di ilLibraio con i libri di scrittrici esordienti ed UVASPINA mi colpì moltissimo per il titolo ma soprattutto per essenzialità della copertina, questo ragazzo immerso nell'acqua e il colore blu/azzurro chiamatelo come volete per me è il mio blu evolvo.

Decido così di ordinare subito più copie (ebbene sì prenoto libri anche d'istinto dalla copertina soprattutto le/gli esordienti).

Appena sono arrivate le copie, uno è diventato mio, e ho scoperto subito a pag. 7 (inizio del romanzo) che la madre di UVASPINA si chiama come me: Graziella detta La Spaiata (questo lo scoprirò leggendo perchè è soprannominata così). Mi sono detta "wowww ora lo voglio proprio leggere, ha sicuramente molto da dirmi".


Cosa intendiamo noi per famiglia? Cosa ci rende famiglia? Cosa ci dona e cosa può toglierci la famiglia?


Ecco qui breve trama con cit. dal libro

"La storia inizia con una donna Graziella la Spaiata, è un mercoledì sera e come ogni mercoledì sera, quando il marito Pasquale Riccio, presidente del circolo nautico di Posillipo esce senza di lei, eccola lì la Spaiata che attacca a chiagnere e mette in scena la sua morte davanti ai suoi due figli: Uvaspina e Minuccia.

Il marito non si lascia impressionare, le fa una carezza come si fa coi gattini bruttini della figliata ed esce. Mentre i due figli le poggiano le mani sulla pancia per capire se respira ancora. Uvaspina il figlio primogenito è chiamato così perchè nasce con una voglia a forma di acino sotto l'occhio sinistro e nella vita Uvaspina è abituato a farsi spremere proprio come l'uvaspina che viene spremuta per creare sciroppi, liquori....per allieviare i dolori altrui.

Uvaspina sembra esistere per essere pigiato e distillare il succo che fa stare meglio le persone intorno a lui. Tutti lo spremono soprattutto la sorella Minuccia, una criatura rabbiosa e sadica che ogni notte gli impedisce di dormire. Minuccia non è una ragazzina qualsisasi, è uno strummolo, è una trottola di legno che quando si inceppa comincia a vorticare...."


Non è stato facile uscire da questo corposo racconto, per un po' i protagonisti me li sono portata con me, in primis perchè siamo a Napoli, siamo al sud e io sono figlia del sud, radici siciliane e mi ha riportata alla mia infanzia estiva dai nonni, con tutte le mie insicurezze, fragilità, timidezza, prima nipote dei nonni materni e spesso lì mi sono sentita come UVASPINA, che tutto deve sopportare o spesso sente un grande carico di responsabilità.

Graziella a Uvaspina dice spesso "Sopporta, bell' e mammà" oppure "Sopporta, giusto un altro poco, tra poco finisce pure sta baracca".


Cosa sono le sopportazioni?


Quanto di noi possiamo davvero sacrificare per un minimo bene?


Cos'è il sacrificio?


Posillipo significa pausa dal dolore. Che cos'è il dolore e perchè prendere una pausa?


Queste alcune delle domande che possono emergere durante la serata. Nelle serate di bookcoaching vi racconterò la storia alternata a delle letture del romanzo e poi inizieremo le ns riflessioni. Il libro diventa un mezzo per fare introspezione, per sospendere il giudizio sulle vite degli altri, per osservare parti del nostro vissuto con la giusta distanza per smettere di identificarci con frammenti del nostro passato. Non è necessario aver letto il libro, lo potete leggere anche dopo, anzi molte delle mie clienti “lo gustano” proprio dopo, perché la storia è il mio strumento per aiutare le persone a trovare armonia ed equilibrio nella propria vita quotidiana! Appuntamento on line mercoledì 11 ottobre 2023 alle 20,30, spero di avervi incuriositi. Costo serata euro 20,00, scrivete a evolvolibri@gmail.com se desiderate partecipare.

un abbraccio Graziella la tua Equilibraia


39 visualizzazioni0 commenti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page